auriko



Volker Klein < Auriko

 

Spesso mi chiedono se il mio strumento è molto antico, medievale magari... Al contrario, è uno strumento abbastanza moderno. Fu inventato alla fine dell'800 dal liutaio e compositore napoletano RAFFAELE CALACE che allargò la tastiera del mandoloncello, aggiunse un quinto paio di corde e lo chiamò LIUTO CANTABILE. Raffaele Calace divenne poi un virtuoso dello strumento e famoso in tutto il mondo.

Il mio strumento è stato costruito dai fratelli SIRLETO di Napoli, artigiani eccellenti.


Il liuto cantabile è uno strumento della famiglia del mandolino napoletano. Rispetto al mandoloncello ha il vantaggio che, con 5 doppie corde, mi permette, oltre che di dare una base di basso, anche di suonare accordi pieni e ritmati o delle parti solistiche. Con il mandoloncello, invece, avrei potuto fare solo la parte del basso. Tutto sommato è lo strumento ideale per me.
 


   

Chi è Volker Klein?

Sono tedesco, di Dortmund, pittore, musicista e nel mio tempo "libero" mi diverto a insegnare tedesco all'Università di Viterbo. Dal 1980 vivo a Roma.

 
 

 

35 anni fa .....

Ho cominciato come musicista da strada. Con il mio gruppo COMPAGNIA PETTIROSSO suonavamo canzoni popolari italiane (ero rimasto folgorato da un LP della NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE comprato per caso durante una vacanza in Italia).

1973

zona pedonale di Monaco di Baviera

 

Nel 1974 ci invitarono a rappresentare l'Italia al Folkfestival internazionale di Ingelheim (Germania), una specie di ethno-Woodstock. Nella domanda avevamo dimenticato di specificare che nessuno di noi era italiano e che non sapevamo neanche l'italiano. Fu un grande successo.

 
 
 
Eravamo bravini, nonostante la pronuncia un po' ridicola del dialetto napoletano. Qui potete scaricare un piccolo esempio: una vecchia registrazione del 1974.  
Compagnia Pettirosso
download mp3 (3.6mb)
 

Nel 1975 vinsi una borsa di studio per un anno a Roma e qui conobbi
Mimma Santarsiero.

 
 
   

una ragazza di campagna...

del profondo sud ...

della Lucania ...!

 

 

La sposai.

 

E da allora facciamo musica insieme.

 

Prima nel CANZONIERE MAGLIANA, gruppo storico romano che faceva spettacoli musicali e teatrali politicamente impegnati. Cantavamo canzoni contro l'emarginazione delle periferie urbane, il carovita, la disoccupazione ...

 
 

Il CANZONIERE MAGLIANA 1976

a S.Maria di Trastevere, Roma

 
 
Con il Canzoniere Magliana andavamo su e giù per lo stivale ma potevamo anche ospitare altri artisti nella nostra sede alla Magliana, quartiere periferico di Roma. Mi ricordo, tra l'altro un memorabile spettacolo del cantastorie siciliano Cicciu Busacca proprio nella nostra sede.
  Cicciu Busacca

 

   

 

Con il Canzoniere Magliana abbiamo inciso 3 dischi: un LP "Dal quartiere cantiamo la lotta" e due EP.  
  Un pezzo lo potete scaricare qui: download mp3 (5mb)
a proposito di cantastorie ......    

Mimma Santarsiero
e
Volker Klein

 

 

 

 

 

 

 

 

.....cantastorie a Monaco di Baviera

 

 

il Laboratorio Musicale Cinecittà - Rinascenza

Ci sono voluti 3 anni di lotta per l'acquisizione dell'Istituto Luce, una struttura di 640 locali, tra cui teatri di posa e archivi, appartenente ad una società privata e completamente inutilizzata da tempo, come centro sociale e culturale per il quartiere.

 
 
Durante l'ultima fase di questa lotta è nato il LABORATORIO MUSICALE CINECITTA - RINASCENZA.
I musicisti erano   Volker Klein (mandola, mandolino, Hackbrett)
Mimma Santarsiero (voce, fisarmonica)
Silvia Recchioni (voce)  
Alberto Poerio (voce,chitarra, percussioni)
Giorgio Mazza (chitarra)
Annette Jäger (voce, flauti)
Gianni Silano (voce, chitarra, mandolino)
Memmo Federici (clarinetto)
   
Dopo il nostro concerto al mitico FOLKSTUDIO di Roma Angelo Martiniello scrisse sul MESSAGERO:
Il gruppo di menestrelli e cantori, composto da otto ragazzi, si è presentato al Folkstudio per una serata dedicata non solo alla musica ma alla rilettura del folclore nostrano, piü volte discusso e spesso incompreso. Lo spettacolo emblematicantente battezzato "La favola, la storia...", è uno zibaldone sonoro che si rifà alle tarantelle, ai canti invocativi d'una penisola che, imperturbabile o quasi, ha visto passare decine di civiltà, da quella latina a quella spagnola. I ragazzi della Rinascenza, però, a differenza di molti loro colleghi non scimmiottano ma eseguono, cioè compongono musica e parole usando schemi tipici della tradizione. Il ritmo è di preferenza il sei-ottavi, la voce modula con timbri veraci, gli strumenti si rincorrono senza darsi troppe arie. Cosi la leggenda e le ballate creano in poco più di due ore l'atmosfera di un concerto antico ma non troppo. Se gli schemi musicali, infatti, sono noti, i testi sono attuali, a volte perfino urbani, pienamente inseriti nella problematica sociale romana fatta di alienazioni, fabbriche occupate e diavolerie del genere. Il debutto al folkstudio altro non è che la conseguenza diretta degli spettacoli che i ragazzi portavano per le campagne e fra i lavoratori, non ultimi quelli dell'Istituto Luce di Cinecittà.
Questo pezzo è stato fatto dal LABORATORIO MUSICALE CINECITTA dopo il terremoto in Irpinia 1980 download mp3(6.8mb)

Volker Klein pittore

Gli anni 80 - 90 erano tempi duri per la musica popolare. Non interessava più a nessuno. Esistevano solo San Remo e Pippo Baudo. In quel periodo mi sono dedicato più alla pittura che alla musica. Ho fatto mostre a Mannheim, Napoli, Roma, Torino, New York, Spoleto, Firenze, Madrid e altre.

cliccare per ingrandire

cabina castello in aria Marlene il caos della coscienza
ritratto di Roland terra lucana Sicilitudine metropoli

regali di natale ricette cucina weihnachtsgeschenke adventskalender, Kochrezepte

............. e la storia continua ................................>> qui <<

   Download Flashplayer >>

Home l Auriko l Discografia l Concerti & Eventi l Bazaar l Contatti l Credites